Storia e transumanza

Secolo III°a.C.

Nella seconda guerra punica, Annibale, valicate le Alpi, aveva probabilmente in pugno il Mediterraneo. Si fermò aggirando la città di Roma e tentò di bloccare la transumanza dei Sanniti dall'Abruzzo pensando di ricattarli e costringerli a ribellarsi a Roma. Quando si accorse che essi avevano anche lo sbocco campano, andò a Capua e nell'area foggiana e così, dopo la battaglia di Canne (216), tutte quelle popolazioni pastorali furono costrette a passare dalla sua parte.

Ma Roma reagì con Quinto Fabio Massimo Verrucoso, detto «il temporeggiatore», usando la stessa tattica di Annibale. Mandò i soldati ad occupare i passi in montagna, per cercare di impedire ai Sanniti di tornare ai monti controllando così una delle risorse principali dell'Italia centrale.

Da «Archeologia», agosto/settembre 1999 (conferenza fine anni '80) http://www.ludovicomagrini.it/parlati/la_transumanza

http://it.wikipedia.org/wiki/File:Battle_of_the_Caudine_Forks.jpg

Il 275 a.C. è una data importante. La vittoria su Pirro, re d'Epiro, a Maleventum consegna ai romani la supremazia nel sud. Benevento rafforza la sua strategica posizione.

Antiche vie verdi

LAZIO CAMPANIA
La via Appia, la Regina delle vie riomane, collegava Roma con Capua. Nel 268 a.C. viene prolungata fino a Beneventum (Benevento). Nel 190 a.C. giungerà fino a Venusia (Venosa)...Tarentum (Taranto) e Brundisium (Brindisi). Sotto Traiano (98 - 117 d.C.) verrà aggiunto un altro troncone (la via Appia Traiana) da Beneventum per Canosa (Canosa) e Barium (Bari).

Vedi Amici Vie verdi Appia antica

Via Latina: da Roma a Benevento attraverso la Ciociaria; A differenza della maggior parte delle strade romane, non porta il nome del costruttore, suggerendo così che si tratti di una delle strade più antiche; infatti, nonostante il suo percorso sia stato tracciato definitivamente tra il IV e il III secolo a.C., veniva già percorso in età preistorica e gli etruschi lo attraversarono per colonizzare la Campania tra i secoli VIII e VI a.C. http://it.wikipedia.org/wiki/Via_Latina

LAZIO TOSCANA

Via Clodia: dal 225 a.C. già pavimentata. La fece costruire Marco Claudio Marcello, console nel 287 ac, oppure Caio Claudio Canina, console nel 285. Comunque sia, fu trasformato il tracciato etrusco in grande strada di comunicazione secondo le classiche caratteristiche delle strade consolari romane. Nei secoli è diventata una via intermedia tra Cassia e Aurelia. Univa indicativamente Vejo e Vetulonia, passando per Sutri, Blera, Saturnia, utilizzata soprattutto per il commercio con il mondo etrusco. Tra Pitigliano, Sorano e Sovana ricalcava il percorso delle preesistenti Vie Cave etrusche. Si può parlare di via Clodia già alla fine del III Secolo a.C. ma fu inserita nel sistema viario romano sul finir del II sec. a.C., dal 225 a.C. Si distacca dalla via Cassia all'altezza di La Storta (che si chiama così proprio perchè qui la Via Cassia venne piegata per unirsi all'antico tracciato della Clodia) e prosege penetrando nell'Etruria fino a Cosa.

http://it.wikipedia.org/wiki/Via_Clodia

Vedi Amici Vie verdi Antica via Clodia

LAZIO UMBRIA
 La via Amerina fu aperta nel 241-240 a.C. unendo tracciati locali ancora più antichi che collegavano Veio con Amelia (Ameria) importante città di confine, oggi comune di Terni, prima Umbra e poi Romana. Attraversava tutto il territorio Falisco toccando i suoi principali centri: Nepet (Nepi), Falerii, Fescennium (Corchiano), Gallese, Vasanello e Hortae (Orte). A Nord di Amelia riprese altri antichi collegamenti che si dirigevano verso la media e l'alta valle del Tevere lungo il confine con il territorio etrusco (Tuder, Vettona e Perusia), poi verso l’Adriatico attraverso il territorio degli Umbri.

 

Cave etrusche e Consolari romane

LIGURIA - LOMBARDIA - VENETO - FRIULI
La via Postumia fu costruita nel 148 a.C. da Spurio Postumio Albino. Univa Genova con il litorale adriatico lungo il seguente percorso: Genua (Genova), Dertona (Tortona), Iria (Voghera), Comillomagus (Broni), Placentia (Piacenza), Cremona (Cremona), Verona (Verona), Vicetia (Vicenza), Opitergium (Oderzo), Concordia (a 50 miglia da Aquleia, i cui profughi fondarono alla fine dell'Impero la città di Venezia).
http://it.wikipedia.org/wiki/Via_Postumia

LAZIO TOSCANA
La via Aurelia fu prolungata da Marco Emilio Scauro nel 107 a.C. fino a Luni, mentre solo in età imperiale fu prolungata fino ad Arelate (l'odierna Arles).

EMILIA ROMAGNA
la via Aemilia / Via Emilia: da Rimini a Piacenza, poi prolungata fino a Milano; circa 190 ac. Costruita dal console Marco Emilio Lepido (175 a.C.). dopo le sottomissioni dei Liguri per unire il loro territorio alla via Flaminia. Le città principali che toccava erano Placentia (Piacenza), Fidentiola (Fidenza), Parma (Parma), Regium (Reggio Emilia), Mutina (Modena), Bonomia (Bologna), Forum Cornelii (Imola), Faventia (Faenza), Caesena (Cesena) e Ariminum (Rimini).
Nel periodo imperiale la via proseguiva con un tronco fino ad Augusta Praetoria (Aosta) passando per Mediolanum (Milano), Novaria (Novara), Vercellae (Vercelli), Eporedia (Ivrea) e Verres.

http://it.wikipedia.org/wiki/Via_Emilia
http://it.wikipedia.org/wiki/Marco_Emilio_Lepido_(console_187_a.C.)

VENETO FRIULI
 La via Flavia fu costruita da Vespasiano nel 78-79 d.C.. Univa Trieste con Pola passando per Parenzo. Partiva da Tergeste e, costeggiando il litorale istriano, passava per Pola e Fiume; giungeva infine in Dalmazia, ma si è supposto che dovesse originariamente prolungarsi sino alla Grecia.

CALABRIA - BASILICATA - CAMPANIA II sec.
 Via Popilia: da Capua a Reggio Calabria. Fu costruita nel 132 a.C. da Publio Popilio. Tra Capua e Rheghium (Reggio Calabria) toccava Consentia (Cosenza), Vibo Valentia (Vibo Valentia),
Grumentum e Nerulum.
http://it.wikipedia.org/wiki/Via_Capua-Rhegium

LAZIO - TOSCANA
La via Cassia, si biforca dalla via Flaminia a pochi chilometri da Roma, subito dopo ponte Milvio: da Roma a Firenze, poi prolungata fino all'innesto con le vie Aurelia (verso Ovest) ed Emilia (verso Nord). Strada di probabili origini etrusche, metteva in comunicazione Roma con l'Etruria, toccando Sutrium (Sutri), Volsinii (Bolsena), Clusium (Chiusi), Arretium (Arezzo) e Florentia (Firenze) sboccando sull'Aurelia all'altezza di Luni. Nota come Cassia (probabilmente da Lucio Cassio Longino Ravilla) da circa il 117 a.C.

http://it.wikipedia.org/wiki/Via_Cassia metà terzo sec a c
http://it.wikipedia.org/wiki/Via_Aurelia#La_via_Aurelia_a_Roma

LAZIO - TOSCANA - UMBRIA - MARCHE - ROMAGNA
Via Salaria: da Roma a San Benedetto del Tronto, costruita sull'antico tracciato della via commerciale del sale; dal VI sec a c
La via Salaria portava da Roma a Castrum Truentinum (Porto d'Ascoli), sulla costa adriatica. Seguiva il Tevere fino a Passo Corese, si addentrava nella Sabina passando per Reate (Rieti), Cittaducale, Antrodoco, oltrepassava l'Appennino tra le gole del Terminillo e discendeva verso l'Adriatico, raggiungendo Asculum (Ascoli Piceno) e Castrum Truentinum.
http://it.wikipedia.org/wiki/Via_Salaria
http://it.wikipedia.org/wiki/Via_Salaria#Storia

Via Aurelia: da Roma a Pisa costeggiando il mar Tirreno.
La via Aurelia fu aperta nel 241 a.C. dal censore Caio Aurelio Cotta. Usciva da Roma dal ponte Emilio (l'odierno ponte Rotto), saliva sul Gianicolo e conduceva a Cosa (Ansedonia). Fu prolungata fino alla Liguria nella metà terzo sec a c.
http://it.wikipedia.org/wiki/Via_Aurelia

Via Flaminia: da Roma a Rimini; 220 a c. Fatta costruire dal censore Caio Flaminio (223-219 a.C.) , era finalizzata alla colonizzazione dell'"ager Gallicus". Fuoriusciva dalla porta Fontinalis della cinta repubblicana (in seguito passerà anche sotto la porta Flaminia delle mura Aureliane, l'odierna porta del Popolo), raggiungeva, passando per l'Umbria, Fanum (Fano) e terminava ad Ariminum (Rimini).
http://it.wikipedia.org/wiki/Via_Flaminia

LAZIO CAMPANIA
Via Latina: da Roma a Benevento attraverso la Ciociaria; A differenza della maggior parte delle strade romane, non porta il nome del costruttore, suggerendo così che si tratti di una delle strade più antiche; infatti, nonostante il suo percorso sia stato tracciato definitivamente tra il IV e il III secolo a.C., veniva già percorso in età preistorica e gli etruschi lo attraversarono per colonizzare la Campania tra i secoli VIII eVI a.C. http://it.wikipedia.org/wiki/Via_Latina

LAZIO ABRUZZO
Anche la via Tiburtina era di antichissima origine. Lasciava Roma alla porta Esquilina e conduceva a Tibur (Tivoli) superando il fiume Aniene. Dal 286 a c da Roma fino a Ostia Aterni (l'odierna Pescara).
Via Tiburtina Valeria: ristrutturata nel 307 a.C. da Marco Valerio Massimo e prolungata fino a Corfinium (Corfinio). Questo nuovo tratto prese il nome di via Tiburtina Valeria.
http://it.wikipedia.org/wiki/Via_Tiburtina_Valeria

 La via Nomentana, di origine antica, usciva dalla porta Collina, cavalcava l'Aniene e risaliva fino a Nomentum (Mentana).

 La via Collatina si distaccava dalla via Tiburtina poco dopo l'arco dell'Acqua Marcia (in seguito integrato nelle mura Aureliane, ora ha il nome di porta S. Lorenzo) e conduceva alla vicina Collatia (Lunghezza).


VIAGGIO NELLO SPAZIO DELLE VIE VERDI